Social Media Distancing

Social Media Distanziamento

Cos'è questo in termini di quello?

Come i social media mi hanno fatto immaginare di essere fantasioso a rischio di perdere la capacità di immaginare.

Il mio allontanamento dai social media durante il Covid 19 è stato dovuto principalmente a un percepito sovraccarico di informazioni e al desiderio di radicarmi nel presente.

Uscire dai social media il 18 gennaio 2021 nel mezzo di Lockdown 2 ha presentato alcune preoccupazioni.

L'allontanamento sociale non ha significato isolamento sociale per me, ma parte di ciò è dovuto al mio accesso ai social media. Chattare con persone che la pensano allo stesso modo e colleghi su Instagram e far parte di gruppi su Facebook, condividere storie con amici in tutto il mondo fa parte della mia vita quotidiana. Ma di recente mi ero reso conto che non riuscivo a ricordare com'era la vita prima del mio telefono! Quindi, ho deciso di fare un tentativo e pubblicare su Instagram che mi stavo prendendo una pausa di due settimane.

Poi…

Ho notato che ho iniziato ad avere la sensazione di essere più coinvolto emotivamente nelle interazioni che stavo avendo con altre persone, familiari e studenti, ho iniziato a sentirmi lì al cento per cento. Ero anche più impegnato nelle cose che facevo senza altre persone, anche solo lavarmi i denti, notai, e ricordai anche io. Mi sentivo come se avessi molto spazio per fare quello che volevo fare e più tempo per divertirmi e raccogliere le informazioni che ho scelto. E mi sentivo come se fosse passato molto tempo dall'ultima volta che mi ero semplicemente seduto e impegnato in modo organico, arrivando alle informazioni piuttosto che fare affidamento sullo scorrimento per riempire il mio cervello e il mio tempo.

Un esempio di ciò è stato il 21 gennaio, giorno 4 dell'esperimento gratuito sui social media. Stavo ascoltando questo podcast di American Life e sono rimasto affascinato da un segmento su "delight". Bim parla con il poeta Ross Gay , il cui libro ha ispirato lo spettacolo, della disciplina e del rigore nel cercare e trattenere il piacere. Essendo un insegnante di consapevolezza , ero fortemente coinvolto in questa idea e ho deciso di vedere se qualcosa di simile stava accadendo nel Regno Unito. Il mio commentatore britannico di riferimento per questo era Louis Theroux, nel suo podcast "Grounded 2". Ho ascoltato l'ultimo episodio con l'attore e regista, Riz Ahmed. Non hanno discusso direttamente di "gioia", ma c'era molta gratitudine lì. Ad un certo punto, stava parlando di un insegnante ispiratore che aveva avuto a scuola, che aveva insegnato a Ginsberg insieme al rap. Ha anche parlato di "lasciarsi andare" e di autenticità. Il giorno dopo, avevo in mente il poeta Allen Ginsberg, ho iniziato a ricordare un momento in cui lui e lo scrittore William Burroughs, Jack Kerouac e John Steinbeck, tra gli altri, avevano significato qualcosa per me. Ricordo di aver comprato i biglietti da adolescente per me e mia madre per vedere Of Mice and Men di Steinbeck al Playhouse Theatre di Liverpool. Ricordavo di essere stato piuttosto innamorato di Kerouac e di avermi confiscato "On the Road" dal preside della scuola quando l'avevo letto durante il corso di letteratura invece del prescritto Moonfleet.

Questo ricordo è stato d'ispirazione e il giorno dopo mi sono divertito a guardare troppo Ginsberg su Youtube ! In un'intervista, l'ho visto menzionare la "capacità negativa" di cui ho scritto nell'ultimo blog . Quando l'ho sentito parlarne, mi sono sentito come se tutto questo tempo libero sui social media mi stesse portando da qualche parte dove le informazioni non erano tossiche ma in realtà salutari, fluide e nutrienti.

Quindi, il resto dei miei giorni è stato più o meno così ed è piuttosto delizioso! Mi piace imparare e mi piace evolvere, e ricordo che prima del mio telefono c'era uno spazio aperto dentro di me e fuori di me, forse tutto intorno a me.

Ho scoperto che andare a letto e svegliarsi senza il telefono a lato del letto è una gioia. Per le prime due notti era stato difficile spegnere il telefono molto prima di andare a letto. Ho avuto una sorta di risonanza nella mia mente quando sono andato a letto e ho chiuso gli occhi, ho potuto vedere lo scorrimento delle immagini sfocate dei post di Instagram dietro i miei occhi chiusi. Allora ho capito che c'era qualcosa che non andava nel modo in cui mi ero impegnato con questa tecnologia e quindi l'ho mantenuto.

Social gratis per 14 giorni.

Ho fatto le stesse cose che normalmente farei durante la mia giornata; meditazione di consapevolezza , terapia yoga, insegnamento, workshop principali. Vedere e fare cose senza la pressione di pubblicare online è rinfrescante e confortante. La mia connessione con la natura e l'esperienza è più profonda e infinita.

A causa del mio stato d'animo generale e della mia professione , tendo ad avere uno stretto rapporto con la natura e mi piace condividere, ma mi sembra una tregua non pubblicare le cose che provo, notare, deliziare, essere contento e riposante e basta.

Ho iniziato a rendermi conto che qualunque cosa percepissi sui social media, indulgere in Facebook e Instagram stava bloccando la mia creatività e la mia capacità di immaginare. Nonostante ciò, voglio essere sui social media con moderazione , ma sono semplicemente molto più interessato alla conoscenza, alla saggezza e alla crescita.

Penso che se continuo a sedermi e riflettere, posso adattare tutte queste cose alla coscienza e a un sano equilibrio.

Gli ultimi quattordici giorni sono stati indimenticabili e incredibili, ma soprattutto incredibilmente riposanti.

Anche se non riesci a immaginare di prenderti una pausa dai social media , ti incoraggio a lasciar perdere prima di andare a letto e come prima cosa al mattino. Per essere ricettivi a qualcosa che va oltre il dramma dei social media. Senza pensare a cosa sia o perché lo sia, c'è qualcos'altro da notare e apprezzare in questi tempi. Penso che sia impossibile vederlo finché non creiamo questo spazio.




Riferimenti e citazioni

Buckley, William F. "Allen Ginsberg". Youtube , L'avanguardia, 1968, www.youtube.com/watch?v=vBpoZBhvBa4. Accesso 1 febbraio 2021.

Burroughs, William. Pranzo nudo . Calder & Boyars, 1970.

"Con i piedi per terra con Louis Theroux - Riz Ahmed: otto cose che abbiamo imparato quando ha parlato con Louis Theroux." BBC Radio 4 , BBC, www.bbc.co.uk/programmes/articles/1d5SGdJzg8FqbWGRFlCmqXJ/riz-ahmed-eight-things-we-learned-when-he-spoke-to-louis-theroux.

Kerouac, Jack. Sulla strada . Stampa vichinga, 1957.

"Lo spettacolo delle delizie". This American Life , Ira Glass e Bim Adewunmi, 1 febbraio 2021, www.thisamericanlife.org/692/the-show-of-delights.

Steinback, Giovanni. Di topi e uomini . Easton Press, 1977.

Willey, Basilio. Coleridge su Immaginazione e Fantasia . Norwood, 1979.

Torna al blog